Sembra un virile: l’importanza delle lesbiche butch e stud nella tradizione queer

Sembra un virile: l’importanza delle lesbiche butch e stud nella tradizione queer

“abitare colf, lesbica, nera”: il punto di panorama di Barbara Smith e Angela Davis

Sembra particolare cosicche il societa, ovvero a dir poco alcune persone, non riescano per fare a fuorche delle etichette. Di quelle affinche si “appiccicano” a determinate categorie di uomini e donne, e giacche puntano verso racchiuderle tutte in un numeroso complesso ben definitoe se l’umanita e le sue molteplici sfumature potessero essere descritte mediante una classe…

Accade durante gli omosessuali, verso diluito imprigionati mediante una descrizione fisica e comportamentale precisa (nell’eventualita che pensiamo ad alcuni film anni ’80, ad esempio, li immaginiamo tutti per mezzo di grossi baffi, vestiti durante carnagione), accade addirittura verso le lesbiche.

C’e una categoria, in caratteristica, quella delle butch, o stud, perche corrisponde allo modello della omosessuale mascolina, con capelli cortissimi, vestita con jeans larghi e portati verso energia bassissima, sneakers ovvero scarponcini da attivita, catene d’oro al cervice o legate alla bisaccia dei brache, un po’ come andava di costume nei primi anni 2000. Read more